Non imponibilità Iva se il cessionario attesta l’avvenuto trasferimento

Le cessioni intracomunitarie di imbarcazioni, trasportate direttamente dal cessionario in un altro Stato Ue, possono beneficiare della non imponibilità Iva solo se l’operatore nazionale allega alla relativa documentazione una dichiarazione del cliente attestante l’avvenuto trasferimento. Lo ha affermato l’Agenzia delle entrate, con la risoluzione 71/E del 24 luglio 2014, ricordando che, nelle ipotesi in cui il cedente non abbia provveduto direttamente al trasferimento del bene e, pertanto, non sia in grado di reperire il documento di trasporto, la prova può essere fornita con altra documentazione, purché sia idonea a dimostrare che le merci sono state inviate in un altro Paese comunitario. Nel caso sottoposto all’Agenzia, una società italiana aveva venduto un’imbarcazione a un soggetto francese, presentando all’Amministrazione la fattura di vendita, la relativa documentazione bancaria, gli atti di passaggio di proprietà e di cancellazione dell’imbarcazione dal registro italiano oltre che la dichiarazione Intrastat. L’Amministrazione ha, tuttavia, ritenuto insufficiente tale documentazione, poiché, data la natura del bene e considerato che il trasferimento è avvenuto a cura del cessionario, in sostituzione del documento di trasporto occorre presentare anche una dichiarazione del cliente che attesti la conduzione dell’imbarcazione dal porto italiano a quello di un altro Stato Ue.

Sara Armella

Lucia Mannarino

Luglio 2014

Cliccare sul tasto sottostante per maggiori informazioni

Related Posts

© 2016 Studio Armella - All rights reserved.